4 marzo 2010

La storia di William Kamkwamba

Non bastano la carestia e la povertà a fermare il sogno di un ragazzo deciso a salvare se stesso e il suo paese. Nascere poveri nel Malawi, come succede a William Kamkwamba, è una condanna certa: una dura vita nei campi a coltivare
mais, nella speranza che il raccolto sia sufficiente almeno a sfamare la famiglia. Quando il padre non può più pagare le sue tasse scolastiche a causa della più grave carestia
dell’ultimo mezzo secolo, William non si arrende e continua a sognare un futuro da scienziato
come quando,da piccolo, si divertiva
a smontare e riparare le radio dei vicini.In un libro della biblioteca del villaggio vede i mulini a vento e scopre che possono generare elettricità. “Nel Malawi il vento era una delle...
poche risorse abbondanti donateci da Dio, perché soffiava giorno e notte tra le cime degli alberi. Una turbina non avrebbe significato solo corrente elettrica, ma anche libertà. Non avevo mai fatto nulla di simile ma, se le turbine esistevano
sulla copertina del libro, qualcuno doveva averle costruite. Dopo quella riflessione ebbi la certezza di poterlo fare anch’io.”
Con bambù, i pezzi di una vecchia bicicletta e molto ingegno, William riesce in un’impresa apparentemente impossibile: mettere in piedi un mulino a vento personale con cui portare l’elettricità a casa. Grazie alla sua invenzione può riprendere gli studi ed entra nell’African Leadership Academy, una prep-school panafricana con sede a Johannesburg per gli studenti più capaci. Oggi la sua storia è un inno di speranza per tutto il suo Paese.

WILLIAM KAMKWAMBA è nato nel Malawi nel 1989. La storia del suo mulino a vento si è presto diffusa nel mondo, il “Wall Street Journal” gli ha dedicato un profilo e nel 2008 William è stato invitato a parlare al World Economic Forum dedicato all’Africa.
BRYAN MEALER ha lavorato per l'Associated Press e i suoi articoli sono stati pubblicati in vari periodici fra cui "Harper's" e "Esquire".


William Kamkwamba
con Bryan Mealer
"Il ragazzo che catturò il vento"
pp. 320 / € 15,00 / gennaio 2010

www.rizzoli.rcslibri.it

Nessun commento:

Posta un commento